mercoledì 21 maggio 2014

Ci sono notti che non accadono mai*

notte venezia

Io sono innamorata dell’ammaliante notte, del suo fascino indiscreto e prepotente, del suo buio imperscrutabile, costellato di stelle misteriosamente lontane, ma soprattutto di quell’inebriante sensazione che tutto può succedere, che tutto è consentito, che quello che accade durerà in eterno, anche se sarà l’esperienza più effimera della vita.
Questa è la magia della notte.

Quello che accade di notte sembra sempre più emozionante e più intenso di quello che succede di giorno: forse perché non c’è l’accecamento della luce e le cose appaiono finalmente nella loro reale essenza, senza gli ingannevoli trucchi e senza le assennate correzioni della ragione.
Di notte le persone si innamorano per davvero, si lasciano per davvero; di notte diciamo la verità senza indugi; di notte siamo coraggiosi e compiamo atti che mai ci sogneremmo di fare alla pallida luce del mattino, al pigro riverbero del mezzogiorno o alla pensosa ombra del pomeriggio. Di notte ci amiamo con più ardore, facciamo l’amore con più passione, soffriamo con più pena, siamo davvero sinceri, con gli altri e con noi stessi, senza filtri e senza reticenze, perché il mantello della notte ci nasconde e ci permette di rivelare la nostra reale essenza umana, debole, fragile, fiduciosa ed onnipotente.

Quello che accade in una notte dura solo una notte, poche, pochissime ore, eppure ci segna più profondamente e quando arriva l’alba finalmente conosciamo noi stessi a fondo, come mai prima. Le luci dell’alba ci dicono che la notte è finita e anche se è stata breve, sarà il ricordo più bello di sempre.

Give me a shot at the night
Give me a moment, some kinda mysterious
Give me a shot at the night

Non rifiutare mai le occasioni che ti offre la notte, non dire di no a nulla, prendi tutto e vivilo, anche se è folle, ancora di più se è folle: sono i momenti più preziosi, quelli che un giorno ti faranno sorridere.

Sii folle, la notte ti accompagna.

«Night is purer than day; it is better for thinking and loving and dreaming. At night everything is more intense, more true.
The echo of words that have been spoken during the day takes on a new and deeper meaning»
(Elie Wiesel, Dawn, 1960)

*(«Ci sono notti/che non accadono mai/e tu le cerchi/muovendo le labbra», Alda Merini)

17 commenti:

  1. Bisogna essere creature della notte per comprendere le tue bellissime parole <3

    RispondiElimina
  2. Non sono una creatura notturna, so di perdermi moltissimo ma di notte mi piace dormire. E di giorno, chi vivrà vedrà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il giorno ha le sue cose belle...

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Belle parole anche se, almeno per me, si sono sempre più ridotte le occasioni notturne da vivere con trasporto!!! Bella anche la scelta musicale dei Killers. Complimenti. Ciao,
    Eni

    http://eniwherefashion.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/eniwherefashion

    RispondiElimina
  5. bellissime parole!!!
    www.agoprime.it

    RispondiElimina
  6. io amo la notte a momenti...perchè è facile distrarsi e non coglierne le sfaccettature

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, bisogna sapersi fermare e riflettere sulla notte!

      Elimina
  7. Io a volte non vedo l' ora che la notte finisca perché le mie paure diventano insostenibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita a tutti, non sentirti sola...

      Elimina
  8. Sono pienamente d'accordo con me e, in merito alla tua foto, dato che in questi giorni sono a Venezia ti dico che mi ci ritrovo doppiamente: Venezia di notte è magica...soprattutto perché è silenziosa e priva di turisti. Io amo abbandonarmi al caso e perdermi scattando foto: tutto è magico!
    Un abbraccio!
    N.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è così bello di notte, figuriamoci una città come Venezia!

      Elimina
  9. Bella la notte, quando puoi rilassarti ed uscire sola o con amici. Orrenda, quando vuoi dormire e riposare, ma qualcosa non te lo permette.
    In estate preferisco le notti perchè sono fresche, ma solo quando posso uscire e non devo dormire; in inverno mi piace il giorno perché è grigio. Odio il sole, ma non amo nemmeno il buio totale della notte inoltrata.
    Insomma: il mio habitat naturale è il grigio delle fredde giornate invernali. E pensare che il grigio è un colore che non indosso mai :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado a momenti: in genere preferisco il sole, la luce del mezzo pomeriggio e il tramonto fino alla notte; ma ci sono periodi in cui i cieli plumbei sono proprio nelle mie corde!

      Elimina

Mi piace sapere cosa ne pensate! Grazie per aver commentato!